Nonostante le macchine con impianto a GPL siano oggigiorno sempre più diffuse, ci si continua a chiedere se sia davvero vantaggioso acquistare una nuova auto “bifuel” (ovvero con doppio impianto benzina/gpl) oppure convertire la nostra attuale vettura, facendo installare da un’officina specializzata, un impianto GPL.

Conosciamo tutti molto bene il risparmio economico che può farci avere un’auto alimentata a GPL rispetto ad una alimentata a benzina e già solo questo potrebbe essere sufficiente a farci decidere di percorrere questa strada. Ma ci sono altri vantaggi che vanno ben oltre quelli economici e che sono ciò che spingono i più dubbiosi e i più scettici ad optare per questo tipo di scelta.

 

Tre ottimi vantaggi per scegliere un’auto a GPL

Oltre al consistente risparmio di soldi ogni volta che dobbiamo fare rifornimento, un’auto a GPL viene scelta anche per altri motivi:

  • Più rispetto per l’ambiente
  • Accesso alle ZTL
  • Possibilità di usufruire di incentivi statali

In questo periodo fatto di blocchi del traffico, circolazione a targhe alterne e altre iniziative volte a salvaguardare l’ambiente, un’auto alimentata a GPL potrà muoversi liberamente e senza particolari restrizioni. Questo grazie alle minori emissioni di gas inquinanti.

Grazie a questo, è anche possibile avere accesso alle ZTL (sempre per motivi legati all’inquinamento) ed evitare di pagare il passaggio in zona centro come accade in alcune città tipo Milano.

Essendo ecologiche e permettendo quindi uno stile di vita più “ragionevole” in termini di sostegno all’ambiente, è prevista periodicamente l’uscita di incentivi statali sia per convertire una vettura da benzina a GPL, sia per acquistarne una nuova.

Ma se i vantaggi appena elencati fanno gola a molti, c’è anche chi resta scettico di fronte a questa scelta apparentemente perfetta per 2 motivi fondamentali.

 

 

Due svantaggi delle auto a GPL 

Come tutte le decisioni, è sempre bene valutare anche gli aspetti negativi e, la scelta se installare o meno un impianto GPL, è tra queste.

Il primo svantaggio riguarda le stazioni di rifornimento. Purtroppo non tutte sono attrezzate per l’erogazione del GPL e, spesso, è necessario fare diversi chilometri prima di trovarne una adatta. Questo diventa un problema serio se si devono percorrere viaggi lunghi perché la presenza di stazioni GPL non è sempre garantita.

Un altro grande svantaggio sta nella perdita di prestazioni del motore rispetto a quando è alimentato a benzina. Soprattutto se stiamo pensando di installare un impianto GPL, dobbiamo tener conto che la macchina, in determinate condizioni, potrebbe subire un calo di potenza e non essere più prestante come prima.

Nelle auto che invece escono dalla fabbrica già dotate di doppio impianto, questo calo si percepisce in maniera meno marcata.